Navigation

AVS: secondo USS finanziamento garantito per i prossimi 15 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2011 - 09:39
(Keystone-ATS)

Per l'Unione sindacale svizzera (USS), l'AVS può essere finanziata fino al 2025 senza aumento dei contributi e senza riduzione delle prestazioni, sebbene la speranza di vita si allunghi. La Confederazione deve "smetterla con i suoi pronostici catastrofici, basati su previsioni finanziarie che servono soltanto a giustificare lo smantellamento sociale".

"Gli scenari ufficiali concernenti l'AVS sono di gran lunga troppo pessimisti. Mirano a seminare il panico e a giustificare i tagli", ha indicato Daniel Lampart, economista presso l'USS. Se i modelli della Confederazione si fossero realizzati, da anni i conti dell'AVS dovrebbero registrare vistosi deficit. Orbene, tutto ciò non si è verificato, nonostante l'aumento considerevole del numero dei pensionati.

L'USS chiede allo Stato un'inversione di rotta. Il sindacato vuole che la Confederazione rimborsi il debito - circa 15 miliardi di franchi - che l'assicurazione invalidità (AI) ha nei confronti dell'AVS. Inoltre, l'USS auspica una buona politica del mercato del lavoro (aumento dei salari, debole disoccupazione) e una politica fiscale sociale, ha aggiunto Lampart.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.