Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per l'Unione sindacale svizzera (USS), l'AVS può essere finanziata fino al 2025 senza aumento dei contributi e senza riduzione delle prestazioni, sebbene la speranza di vita si allunghi. La Confederazione deve "smetterla con i suoi pronostici catastrofici, basati su previsioni finanziarie che servono soltanto a giustificare lo smantellamento sociale".

"Gli scenari ufficiali concernenti l'AVS sono di gran lunga troppo pessimisti. Mirano a seminare il panico e a giustificare i tagli", ha indicato Daniel Lampart, economista presso l'USS. Se i modelli della Confederazione si fossero realizzati, da anni i conti dell'AVS dovrebbero registrare vistosi deficit. Orbene, tutto ciò non si è verificato, nonostante l'aumento considerevole del numero dei pensionati.

L'USS chiede allo Stato un'inversione di rotta. Il sindacato vuole che la Confederazione rimborsi il debito - circa 15 miliardi di franchi - che l'assicurazione invalidità (AI) ha nei confronti dell'AVS. Inoltre, l'USS auspica una buona politica del mercato del lavoro (aumento dei salari, debole disoccupazione) e una politica fiscale sociale, ha aggiunto Lampart.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS