La Axenstrasse, chiusa dal 2 ottobre a causa di una colata di detriti, verrà riaperta alle automobili domani a partire dalle 09:00. Per motivi di sicurezza, veicoli agricoli, ciclomotori, biciclette e pedoni non potranno ancora percorrere la zona di pericolo.

Lo ha reso noto oggi l'Ufficio federale delle strade (USTRA).Per garantire la sicurezza degli utenti nel tratto stradale della Gumpischtal, è stato installato un sistema di monitoraggio e di allarme.

Il sistema rileva i blocchi in movimento e le colate detritiche e servirà a permettere uno sgombero in tempi brevi in caso di pericolo. I ciclisti e gli escursionisti potranno utilizzare come alternativa i collegamenti ferroviari o navali per il transito da Flüelen (UR) e Sisikon (UR).

L'importante asse stradale in riva al Lago dei Quattro Cantoni - che collega le autostrade A4 e A2 fra Flüelen (UR) e Brunnen (SZ) ed è molto utilizzato dagli automobilisti che dal Ticino vogliono raggiungere Zurigo - era già rimasto chiuso fra la fine di luglio e la metà di settembre, a causa della caduta di due enormi blocchi di roccia che erano rimasti pericolanti in un canalone che sovrasta l'arteria.

I due massi, del peso di circa 1000 tonnellate, erano poi stati fatti brillare a metà agosto. Il 13 settembre la strada dell'Axen era stata riaperta al traffico, dopo l'installazione sul tratto più pericoloso del sistema d'allarme. Erano inoltre state installate delle reti di protezione.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.