Navigation

Axpo: eliminare fino a 140 posti, utile crollato del 89%

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2012 - 07:36
(Keystone-ATS)

L'azienda elettrica Axpo inizierà in marzo ad eliminare decine di posti di lovoro: il taglio occupazionale, che comporterà anche licenziamenti, potrebbe riguardare fino a 140 impieghi. Lo ha riferito stamane il gruppo zurighese, aggiungendo che l'utile netto del 2011 è crollato del 89%: da 409 a 45 milioni di franchi. Il risultato operativo EBITA è stato di 139 milioni di franchi, a fronte dei 538 milioni del 2010.

Le turbolenze dei mercati finanziari e valutari, le conseguenze della catastrofe di Fukushima, il riesame dei costi di smantellamento delle centrali nucleari, hanno pesato molto negativamente sui risultati, precisa un comunicato odierno di Axpo. L'impresa intende inoltre investire 21 miliardi di franchi per l'ampliamento ed il rinnovo delle capacità di produzione.

Già in settembre Axpo aveva annunciato di prevedere un taglio all'organico. Con le misure annunciate oggi il gruppo elettrico zurighese intende migliorare il risultato operativo di circa 100 milioni di franchi all'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?