Navigation

Azerbaigian: migliaia in piazza, chiedono mobilitazione

Il clima è caldo a Baku. KEYSTONE/AP/Aziz Karimov sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 luglio 2020 - 12:30
(Keystone-ATS)

Migliaia di persone hanno manifestato nella notte a Baku esortando le autorità azere a dichiarare lo stato di mobilitazione dopo gli scontri di questi giorni tra le forze armate di Azerbaigian e Armenia.

Stamattina, un piccolo gruppo di manifestanti ha fatto irruzione in Parlamento ma è stato subito respinto dalla polizia e ci sono dei fermi. Lo riporta l'agenzia Interfax.

Nei combattimenti lungo il confine settentrionale delle due repubbliche caucasiche, in tre giorni sono morte almeno 16 persone, tra cui un generale azero. I dimostranti urlavano slogan come "Avanti, soldati", "Gloria all'esercito" e "Il Karabakh è nostro", riferendosi al Nagorno-Karabakh, una regione che Azerbaigian e Armenia si contendono da decenni.

Manifestazioni si sono svolte in vari luoghi della capitale azera Baku e in altre città dell'Azerbaigian nonostante il divieto di assembramenti per l'epidemia di Covid-19. Secondo l'Afp, la polizia ha effettuato dei fermi e ha usato i manganelli contro i dimostranti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.