Navigation

Azienda trasporti Basilea, sì a mozione che chiede torni statale

Il gran consiglio di Basilea ne ha abbastanza dei problemi dell'azienda dei trasporti. KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2019 - 08:52
(Keystone-ATS)

L'esperimento di rendere indipendente l'azienda basilese dei trasporti BVB è fallito, meglio tornare ad integrare l'impresa nell'amministrazione cantonale: è la conclusione cui è giunta una strettissima maggioranza del gran consiglio di Basilea Città.

Il parlamento ha approvato una mozione all'indirizzo del governo. La decisione - adottata con 47 voti contro 46 - è giunta nella tarda serata di ieri dopo mesi di notizie negative che hanno interessato la BVB (Basler Verkehrs-Betriebe): si è andato dalle molestie sessuali nei piani alti aziendali, ai bassi livelli di soddisfazione del personale, passando per problemi di manutenzione della rete tranviaria e degli stessi tram.

Per far fronte alle difficoltà, di recente la dirigenza dell'impresa è stata completamente cambiata. Ma per la sinistra parlamentare questo non è sufficiente: Toya Krummenacher, granconsigliera PS e operatrice del Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (VPOD/SSP), ha chiesto che la BVB torni a far parte dell'amministrazione. Dal primo gennaio 2006 l'azienda è infatti indipendente, quale società di diritto pubblico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.