Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Far pagare ai consumatori un centesimo al kilowattora per sovvenzionare la produzione di energia idroelettrica: l'idea, presentata ai parlamentari federali, è delle aziende elettriche, che potrebbero così mettere le mani su quasi 3 miliardi di franchi in 5 anni.

La proposta - nota come "Wasserrappen", centesimo dell'acqua - era stata lanciata a metà marzo sulla stampa domenicale dalla presidente della direzione di Alpiq, Jasmin Staiblin. Una manager tedesca che - stando al rapporto d'esercizio pubblicato proprio oggi - l'anno scorso ha ricevuto compensi per 1,9 milioni di franchi.

Lunedì l'idea è stata presentata alla Commissione dell'energia del Consiglio degli stati, ha indicato all'ats il portavoce dell'Associazione delle aziende elettriche svizzere (AES) Guido Lichtensteiger confermando una notizia pubblicata dalla "Handelszeitung".

I produttori di energia idroelettrica propongono un contributo di promozione pari a 550 milioni di franchi annui, per un periodo di cinque anni. Un "aiuto di superamento" delle attuali difficoltà che ammonterebbe quindi a 2,75 miliardi e che andrebbe pagato dagli utenti finali con un rincaro di un centesimo per kilowattora.

L'ordine di grandezza corrisponde a quello dei canoni per i diritti d'acqua che le aziende devono versare agli enti pubblici e che - spiega Lichtensteiger - costituiscono per i produttori costi fissi non influenzabili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS