Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo gli attivisti del gruppo ecologista radicale Sea Shepherd, che ogni estate australe ostacolano con vari mezzi nei mari antartici la flotta baleniera giapponese, quest'ultima ha abbandonato definitivamente la sua caccia 'scientifica' per questa stagione, dopo aver ucciso meno di 75 balene su una quota programmata di circa 950.

Dopo una serie di violente collisioni fra le baleniere e la flotta di Sea Shepherd, la 'nave mattatoio' Nisshin Maru e le navi arpionatrici si sono allontanate dal Territorio antartico australiano verso l'oceano Indiano, seguite dalle navi di protesta.

"La stagione è finita bene per noi. Le condizioni del tempo continuano a peggiorare e sarebbe stato impossibile per i giapponesi uccidere più balene", ha detto il fondatore del gruppo e comandante della flotta di protesta Paul Watson:

"Siamo intervenuti, abbiamo tenuto duro e abbiamo vinto". Ha aggiunto di non sapere cosa aspettarsi dalle autorità australiane all'arrivo della sua flotta a Melbourne la prossima settimana, dato che egli si trova nella lista dei ricercati dell'Interpol, "una lista riservata ai serial killer e ai criminali di guerra". È ricercato su richiesta del governo del Costarica, in seguito a un incidente legato a una campagna contro la pesca degli squali.

Il governo giapponese non ha commentato le affermazioni di Sea Shepherd e il console generale a Melbourne, Hidenobu Sobashima, ha detto che il suo governo non fa dichiarazioni sui movimenti della flotta. Secondo il ministro australiano dell'Ambiente, Tony Burke, non basta sapere che la flotta giapponese rientra in patria, se poi ha intenzione di tornare la prossima estate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS