Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca cantonale di Zurigo (ZKB) ha visto nel 2012 il suo utile netto ridursi del 22,8% a 594 milioni di franchi. Un onere non ricorrente di 150 milioni per la cassa pensioni ha contribuito a questo risultato, indica oggi l'istituto in una nota. Il risultato del gruppo è diminuito su un anno del 3,3% a 744 milioni, mentre i ricavi operativi sono cresciuti dell'1,2% a 2,1 miliardi.

L'istituto fa sapere nel comunicato che verserà a Cantone e comuni 374 milioni, sottolineando che in questi ultimi dieci anni ha versato in totale 3,2 miliardi.

Nell'esercizio in rassegna, la ZKB ha registrato una flessione per quanto riguarda i ricavi da operazioni su interesse, mentre vi è stato un aumento dei ricavi nel settore dei servizi e delle commissioni (+2% a 536 milioni) e delle negoziazioni (+6,4% a 379 miliardi terza miglior performance nella storia dell'istituto)

La banca ha anche accusato un calo delle ipoteche: dopo un incremento del 4,9% nel 2011, nel 2012 la crescita è stata del 3,6% a 67,4 miliardi. A tale riguardo, il CEO della maggiore banca cantonale del Paese Martin Scholl ha detto che ZKB intende procedere con prudenza, anche per il pericolo di una "bolla" immobiliare. Globalmente, i prestiti alla clientela sono ammontati a 78,6 miliardi, in crescita del 6,3%.

Sholl giudica positivamente la crescita netta dei patrimoni, sebbene inferiore al livello del 2011. Per l'esercizio sotto esame, la ZKB ha registrato un afflusso di 8,3 miliardi, a fronte dei 12,3 miliardi dell'anno prima. I patrimoni gestiti sono saliti a 191,4 miliardi (+14,8 miliardi). La somma di bilancio si è ampliata del 12,5% a 150,7 miliardi. Il motivo è da ricercarsi nell'incremento dei patrimoni dei clienti, precisa la nota della Banca cantonale di Zurigo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS