Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca cantonale di Zurigo (BCZ) ha registrato un utile lordo di 452 milioni di franchi nel primo semestre di quest'anno, in crescita del 12,9% rispetto ai primi sei mesi dell'anno passato.

In una nota, l'istituto rileva che l'utile operativo si è attestato a 392 milioni, in aumento del 9,9%. Un risultato reso possibile dal buon andamento dei proventi delle operazioni su interesse e dal risultato delle operazioni di negoziazione, migliore delle previsioni.

I ricavi complessivamente sono saliti del 9,1% a 1,1 miliardi di franchi. Il prodotto delle operazioni su interesse è aumentato del 5,3% a 593 milioni. I proventi delle operazioni in commissione e delle prestazioni di servizio sono in calo solo dell'1,6%, a 269 milioni, malgrado le preoccupazioni sul futuro di Eurolandia e le minori attività in borsa, osserva la BCZ. Le negoziazioni hanno generato introiti di 225 milioni, in aumento del 48%.

Tenuto conto di un contributo straordinario di 150 milioni di franchi alla cassa pensione, rimane un utile netto di 242 milioni di franchi. La commissione di gestione della cassa pensione ha deciso che in data primo gennaio 2013 si passerà dal sistema delle prestazioni al primato dei contributi.

I prestiti alla clientela nel periodo in rassegna sono aumentati dell'1,8% a 72,5 miliardi di franchi. Nel comparto delle ipoteche la crescita è stata dell'1,4%.

Tra gennaio e giugno l'afflusso netto di nuovi fondi ha raggiunto 0,7 miliardi di franchi, contro 2,4 miliardi nel primo semestre 2011. A fine giugno i fondi della clientela ammontavano a 180 miliardi di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS