Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca nazionale svizzera (BNS) non modifica il corso della sua politica monetaria e conferma la soglia minima di cambio con l'euro a 1,20 franchi. Come atteso, la fascia di oscillazione del Libor a tre mesi, tasso di riferimento dell'istituto di emissione, rimane allo 0-0,25%. La BNS ha d'altro canto ridotto le previsioni di crescita per l'economia elvetica, dall'1,5 all'1%.

La BNS ha ribadito di essere disposta ad acquistare divise in misura illimitata per far rispettare il tasso di cambio minimo. Il franco continua ad essere a un livello elevato e pesa sull'economia svizzera, osserva la banca centrale in una nota. Se necessario la BNS "è disposta a prendere in qualsiasi momento misure supplementari".

Nel secondo trimestre di quest'anno in Svizzera il prodotto interno lordo (Pil) in termini reali si è leggermente ridotto e il numero dei disoccupati è aumentato. Visto il deteriorarsi delle prospettive economiche mondiali e data la revisione al ribasso delle cifre sul Pil negli ultimi trimestri, "la Banca nazionale prevede ora un tasso di crescita dell'1% circa", contro l'1,5% annunciato in giugno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS