Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca dello Stato del canton Ticino migliora la redditività: nel primo semestre il gruppo ha realizzato un utile netto di 24,5 milioni di franchi, in aumento dell'11% rispetto allo stesso periodo del 2013. Il risultato lordo si è attestato a 32,5 milioni (+12%). Le progressioni sono più che rallegranti in un contesto che rimane oggettivamente difficile, afferma l'azienda in un comunicato odierno.

Sono cresciuti sia i crediti ipotecari (+3% a 7,07 miliardi), sia i crediti nei confronti della clientela (+2% a 8,97 miliardi). Il totale dei depositi (risparmio, altri impegni e obbligazioni di cassa) dei clienti è salito dell'1% a 6,95 miliardi.

I ricavi (+8% a 86,1 milioni) registrano un'evoluzione positiva in tutte le loro componenti, nonostante il permanente basso livello dei tassi di interesse. In aumento sono anche i costi (+6% a 53,7 milioni) essenzialmente a causa delle nuove soluzioni informatiche, spiega BancaStato.

La cifra di bilancio ha continuato la progressione in atto da oltre un ventennio e ha superato la cifra record di 11 miliardi (+3%), attestandosi a 11,2 miliardi.

I vertici dell'istituto prevedono per l'intero 2014 risultati provenienti dall'attività ordinaria in leggera crescita rispetto al 2013. Da rilevare che i risultati pubblicati per il secondo semestre contempleranno anche i costi connessi con il programma di prepensionamenti recentemente annunciato - che toccherà una sessantina di dipendenti nei prossimi tre anni, così da raggiungere il dimensionamento ottimale - ed eventualmente l'ammortamento degli investimenti legati all'adozione della nuova piattaforma informatica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS