Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Centinaia di miliardi di franchi" potrebbero abbandonare le banche svizzere in seguito all'imposta liberatoria e in generale alla pressione internazionale sugli evasori: lo sostiene il responsabile della gestione patrimoniale di UBS, Jürg Zeltner, in un'intervista pubblicata oggi dalla rivista "Schweizer Bank".

Per sé stessa UBS si aspetta deflussi di 12-30 miliardi. "Per i piccoli clienti sarà meno attraente avere un conto nella Confederazione, a causa dei costi", spiega Zeltner. "Nell'attività offshore con clienti europei ritengo che dovremmo contare ancora abbastanza a lungo con deflussi".

Credit Suisse soffre ancora di più: dal 2009 sono partiti 32 miliardi. Per i prossimi anni l'istituto si aspetta di perdere altri 25-35 miliardi, aveva spiegato la settimana scorsa il capo delle finanze David Mathers durante una presentazione per gli investitori.

Stando a uno studio della società di consulenza tedesca ZEB, le banche svizzere amministrano circa 2'800 miliardi di clienti esteri, 800 dei quali sarebbero di provenienza europea e non dichiarati. Sempre secondo la ZEB, entro il 2016 gli istituti elvetici potrebbero perdere sino a 200 miliardi. Inoltre i margini peggioreranno a causa delle nuove esigenze normative.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS