Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuvole cupe si addensano sulla banche private svizzere, specie quelle che gestiscono patrimoni inferiori ai 5 miliardi di franchi. Stando a uno studio presentato oggi a Zurigo dalla società di consulenza e revisione KPMG e dall'Università di San Gallo, il 25-30% di questi istituti potrebbe chiudere i battenti nei prossimi tre anni.

In generale, le banche private elvetiche hanno registrato un incremento del 4% dei patrimoni gestiti nel 2012. Benché nell'insieme utili e prodotti siano cresciuti per le grandi banche private grazie al buon andamento dei mercati finanziari, la situazione per i piccoli istituti rimane critica, stando alla ricerca.

L'anno scorso, quale conseguenza delle liquidazioni in crescita tra le piccole banche, il numero degli istituti privati è sceso di 13 unità a 148. A causa delle pressioni costanti provenienti dall'estero, questo fenomeno è destinato a proseguire: il 25-30% degli istituti potrebbe scomparire nell'arco di tre anni.

Quasi un quarto (23%) di questi stabilimenti ha registrato perdite nel 2012. In media, il tasso di rendimento dei fondi propri è progredito dal 3,8% al 4%, ma tale valore si situa al di sotto del livello di rischio, ossia tra l'8% e il 10%, precisa lo studio.

Sul fronte dell'impiego, oltre la metà di questi istituti ha ridotto l'organico, anche se le banche più importanti hanno proceduto a delle assunzioni.

Nel 2012, le banche private hanno dovuto fare i conti con nuove regolamentazioni e una complessità crescente delle rispettive attività, indicano i ricercatori, sulla base di un'analisi condotta sui rapporti di gestione di 103 istituti tra il 2006 e il 2012, escluse le grandi banche UBS e Credit Suisse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS