Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Definire a rischio sistemico una banca - come è stato fatto ieri per Raiffeisen - non serve a stabilizzare il settore: anzi, ha un effetto controproducente, incitando l'istituto a muoversi in modo ancora più azzardato. Lo sostiene Marc Chesney, professore di finanza all'Università di Zurigo.

Considerare "too big to fail" una banca non permette assolutamente di limitare i rischi, spiega Chesney in un'intervista trasmessa ieri sera dalla radio romanda RTS. Semplicemente, "il rischio sarà assunto dai contribuenti".

Così facendo gli istituti troppo grandi per fallire sono invogliati a non essere prudenti, a spese della società e dell'economia, continua il vicedirettore del dipartimento di scienze bancarie e finanziarie dell'Università di Zurigo, che ammette peraltro di rappresentare un punto di vista attualmente minoritario fra gli esperti.

Secondo Chesney le misure da prendere sarebbero invece altre: ad esempio separare le attività di deposito da quelle di banca d'affari. In passato questo ha funzionato bene, ha osservato lo specialista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS