Navigation

Banche svizzere assumono più personale per clienti cinesi

Il distretto finanziario di Singapore, città chiave per la gestione della clientela cinese. KEYSTONE/EPA/WALLACE WOON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 giugno 2020 - 14:21
(Keystone-ATS)

I cinesi ricchi fanno gola alle grandi banche svizzere che, come altri istituti internazionali, stanno pianificando di aumentare l'organico a loro dedicato.

Nel corso del prossimo anno, il personale orientato verso questa specifica clientela potrebbe gonfiarsi anche del 20-30%.

È quanto riferiscono all'agenzia Reuters vari banchieri e responsabili delle risorse umane, che si occupano del reclutamento. Leader del settore elvetico come UBS, Credit Suisse e Julius Bär impiegano già centinaia di dipendenti a Singapore e dispongono di team più piccoli in città come Zurigo che si occupano dei clienti della cosiddetta Grande Cina, di cui fa parte pure Hong Kong.

Proprio Singapore è al centro del piano d'espansione. La domanda di banchieri nella città-Stato è in progressione dallo scorso anno, quando le proteste a Hong Kong hanno spinto molti clienti a prendere in considerazione sedi alternative per i propri beni.

Secondo attivisti per i diritti civili e dimostranti infatti, la prevista legge cinese sulla sicurezza per l'ex colonia britannica porterà a una maggiore influenza sulla metropoli da parte del governo di Pechino. Questo ha ulteriormente alimentato la speculazione su una fuga di capitali.

Stando a David Shick, responsabile del private banking della regione Grande Cina presso Julius Bär, l'Asia è il secondo mercato domestico in ordine di importanza per il suo datore di lavoro. "Continueremo a reclutare i migliori talenti a Singapore e Hong Kong", ha detto. UBS e Credit Suisse, attive negli scorsi mesi nell'assicurarsi nuovi collaboratori in queste zone, si sono astenute dal prendere posizione.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.