Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una recente modifica legislativa in Svizzera vengono esaminati migliaia di conti in giacenza di clienti bancari nella Confederazione e all'estero. Lo ha rivelato ieri il domenicale tedesco "Welt am Sonntag".

Una portavoce dell'Associazione svizzera dei banchieri (ASB), confermando la notizia, ha spiegato che l'analisi non è mettere in relazione con la Germania nazista.

La revisione totale dell'ordinanza sulle banche, entrata in vigore il 1. gennaio, prevede che i legittimi eredi di fondi in giacenza depositati nelle banche svizzere abbiano 62 anni di tempo in tutto per reclamare i loro averi.

Più precisamente gli istituti dispongono di 10 anni per cercare i proprietari dei conti, poi, se nessuno si manifesta, devono attendere 50 anni prima di procedere alla liquidazione. Dopo una procedura di due anni, il denaro finisce nelle casse federali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS