Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ad alcuni studenti dell'ateneo renano non va proprio giù la linea del giornale.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Bandire la Weltwoche dall'università di Basilea: il consiglio degli studenti dell'ateneo ha chiesto al rettorato di provvedere affinché non vengano più lasciate copie gratuite del settimanale a disposizione degli alunni.

Questo a causa dei contenuti della pubblicazione, ritenuta "razzista, islamofoba e populista di destra", riferisce 20 Minuten. "Siamo a conoscenza dell'istanza", ha indicato alla testata un portavoce dell'ateneo. Al dossier non è stato comunque dato il massimo grado di priorità perché la Weltwoche è distribuita da anni all'interno dell'università. I vertici decideranno comunque in materia nelle prossime settimane.

Fondata nel 1933, la Weltwoche ha oggi come editore e caporeredattore Roger Köppel, che nel 2015 è stato eletto in Consiglio nazionale nelle file dell'UDC zurighese, quale deputato elvetico più votato di tutti i tempi. Sotto la guida di Köppel - arrivato nel 2001 - il settimanale ha acquisito uno spiccato carattere liberale, anti-statalista e anti-Ue, trovandosi spesso in controtendenza nei confronti degli altri media.

La proposta di mettere al bando la Weltwoche dall'università renana - la più antica della Svizzera: è stata fondata nel 1460 - ha già provocato i primi sussulti politici. In un comunicato congiunto le sezioni dei giovani UDC di Basilea Città e Basilea Campagna si dicono scioccate per quello che ritengono essere un segnale di intolleranza. "L'università è un luogo d'istruzione e non di censura", scrivono i giovani democentristi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS