Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un tribunale speciale del Bangladesh ha condannato a morte oggi 152 militari con l'accusa di essere stati coinvolti in un ammutinamento avvenuto nel febbraio 2009 in una caserma di Dacca. Lo riferisce l'edizione online del "Daily Star". I giudici hanno anche condannato all'ergastolo 160 degli 823 imputati, tra cui alcuni politici, ed altre decine a pene detentive pluriennali, mentre 271 sono stati assolti. I soldati condannati sono ritenuti responsabili del massacro di 74 persone, di cui almeno 57 ufficiali.

Stamane gli imputati erano stati portati in una maxi-aula prefabbricata in un campo di calcio creata nel 2011 quando è iniziato il procedimento. Per l'udienza è stato dispiegato un massiccio cordone di sicurezza nella capitale. Oggi a Dacca, tra l'altro, è anche in corso uno sciopero generale indetto dall'opposizione per chiedere un governo provvisorio in vista delle elezioni del prossimo anno.

In circa 30 ore, i rivoltosi massacrarono, bruciarono vivi e torturarono barbaramente 74 persone, tra cui 57 ufficiali superiori nella caserma di Pilkhana, quartiere generale della Guardie di Frontiera tra il 25 e il 26 febbraio 2009. I motivi della violenza non sono mai stati chiari, ma sembra che i ribelli reclamassero un aumento della paga. La rivolta minacciò da vicino anche il governo della premier Skeikh Hasina appena salita al potere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS