Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze dell'ordine del Bangladesh hanno arrestato illegalmente dal 2013 centinaia di persone, compreso un gran numero di attivisti dell'opposizione, mantenendole segretamente in carcere. Lo sostiene l'organizzazione umanitaria Human Rights Watch (HRW).

In un rapporto di 82 pagine dal titolo "Non è nelle nostre mani: Detenzioni segrete e sparizioni forzate in Bangladesh" presentato oggi, HRW sostiene che "il governo bengalese dovrebbe mettere immediatamente fine a questa pratica diffusa delle sparizioni forzate, ed ordinare indagini immediate, imparziali e indipendenti per queste accuse, fornendo risposte alle famiglie e punendo le forze di sicurezza responsabili di queste vergognose violazioni dei diritti".

Nel rapporto si afferma che solo nel 2016 almeno 90 persone sono state vittime di sparizioni forzate. E che mentre la maggior parte di esse sono state portate davanti ad un giudice dopo settimane o mesi dall'arresto, "esistono prove di 21 casi di detenuti che sono successivamente stati uccisi e di nove di cui non si sa più nulla".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS