Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Barcellona dichiara guerra al sesso in strada e da oggi punisce con multe salate, fino a 3.000 euro, i clienti delle prostitute sorpresi in flagrante.

La nuova 'ordinanza di convivenzà, che vieta la prostituzione negli spazi pubblici, è entrata in vigore la scorsa mezzanotte, fra le proteste delle associazioni catalane di Azione Sociale, i controlli intensificati della polizia municipale e il plauso dell'opinione pubblica cittadina, almeno a giudicare dai sondaggi on line di quotidiani, come "La Vanguardia", che premiano con una maggioranza del 78% l'iniziativa.

Già la scorsa notte, decine di vigili urbani sono stati impegnati nel nuovo dispositivo, che prevede controlli a tappeto nelle zone tradizionalmente battute dalle prostitute, come le Ramblas o il quartiere del Raval, nel centro storico.

Nel mirino dell'amministrazione comunale, i clienti che chiedono o negoziano prestazioni, con "condotte volte a promuovere la prostituzione in strada".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS