Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stando agli specialisti zurighesi la ripresa dell'economia elvetica dovrebbe continuare, anche se a ritmi meno serrati (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

Il barometro del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) si è attestato a 106,0 punti in aprile, 1,2 punti in meno di marzo (che presenta un dato corretto da 107,6 a 107,2).

L'indicatore interrompe quindi la fase di progressione registrata dall'inizio del 2017, scrive il KOF in un comunicato odierno. Rimane comunque ampiamente sopra la media pluriennale, ciò che fa pensare a uno sviluppo dinamico dell'economia elvetica. Stando agli specialisti zurighesi la ripresa dovrebbe quindi continuare, anche se a ritmi meno serrati.

Il valore diffuso oggi è inferiore alle previsioni degli analisti interpellati dall'agenzia Awp, che scommettevano su un indice fra 107,0 e 108,0 punti.

Il calo osservato in aprile è riconducibile agli sviluppi nel settore alberghiero e della ristorazione, nel comparto manifatturiero e nella costruzione. Anche gli indicatori relativi ai consumi privati e alle esportazioni sono leggermente arretrati. In controtendenza è invece il ramo bancario.

All'interno dell'industria manifatturiera i segnali non sono univoci. Si sono offuscate le prospettive per i segmenti relativi ad apparecchi elettrici ed elettronici, chimica, legno e alimentari. Migliorano invece i settori metalli e costruzione di macchine.

Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico presenta il suo barometro come un indicatore che anticipa l'evoluzione dell'economia. Si compone di diversi dati: attualmente comprende 272 sottoindicatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS