Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il barometro del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) è tornato a salire. Esso si attesta attualmente a 101,3 punti, 1,6 punti in più rispetto ad agosto (indicatore rivisto da 99,8 a 99,7).

L'indice si è così ripreso dallo scorso mese quando era sceso sotto la soglia dei 100 punti ed è risalito alla sua media pluriennale, scrive il KOF in un comunicato odierno.

Le prospettive per l'economia elvetica rimangono stabili. Il valore raggiunto in settembre rispecchia le aspettative. Gli analisti interrogati dall'agenzia Awp scommettevano su un indice fra 99,8 e 102,0 punti.

I maggiori impulsi positivi provengono - secondo il KOF - dalla produzione e dal settore del consumo, seguiti da quelli dell'industria delle costruzioni. Rimangono stabili le prospettive per le banche e i fornitori di servizi del turismo come pure quelle dell'economia internazionale.

Nella produzione sono toccate dal miglioramento in particolare i settori della lavorazione del legno dell'industria specialistica. In compenso sono peggiorate le prospettive dell'industria tessile. L'andamento delle altre branche industriali - chimica, elettrica, lavorazione dei metalli, alimentari, carta e dell'ingegneria meccanica - non ha avuto effetti significanti sulla dinamica del barometro.

Il miglioramento del clima nell'insieme dell'industria di trasformazione si riflette principalmente in una positiva valutazione delle nuove commesse, degli acquisti di prodotti intermedi nonché nel generale clima degli affari.

Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico presenta il suo barometro come un indicatore che anticipa l'evoluzione dell'economia. Si compone di diversi dati: attualmente comprende 238 sottoindicatori.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS