Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La piattaforma di ghiaccio antartica Larsen B, o almeno quel che ne resta dopo il catastrofico e spettacolare collasso del 2002, rischia di disintegrarsi nel giro di un lustro, con conseguenze rilevanti sull'innalzamento del livello del mare.

L'allarme arriva dai ricercatori della Nasa, secondo cui il tavolato di ghiaccio, che si estende per 1600 chilometri quadrati e ha uno spessore massimo di 500 metri, ha i giorni contati. Vittima di un "cambiamento inarrestabile" figlio dell'aumento delle temperature, che lo sta fendendo e frammentando. È sulla Terra da almeno 10'000 anni ed entro la fine del decennio potrebbe scomparire, inghiottita dall'oceano.

"Ci sono segnali allarmanti che ciò che resta del Larsen B si sta disintegrando", spiegano gli esperti del Jet Propulsion Laboratory della Nasa. "Anche se scientificamente è affascinante avere un posto in prima fila per assistere alla disgregazione e alla scomparsa della piattaforma, è una brutta notizia per il nostro Pianeta".

Appena vent'anni fa il Larsen B si estendeva per oltre 11'000 km quadrati ma nel 2002, dopo la rottura di una sezione principale della piattaforma, ha perso buona parte della sua superficie. Il satellite Envisat dell'Agenzia spaziale europea ha recentemente scoperto che negli ultimi dieci anni si è sciolto per altri 1800 km quadrati.

"Ciò che davvero sorprende è la velocità con cui stanno avvenendo i cambiamenti del Larsen B", evidenziano i ricercatori. A preoccupare, invece, sono le conseguenze sul livello del mare. Le piattaforme di ghiaccio, chiamate anche barriere, sono i 'guardiani' dei ghiacciai e fungono appunto da barriera tra loro e l'oceano.

Il ghiaccio che si scioglie sui ghiacciai alimenta le piattaforme ma, se queste vengono a mancare, l'acqua si riversa più velocemente nell'oceano, andando ad aumentare il ritmo dell'innalzamento globale del livello del mare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS