Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Baselworld 2015 ha aperto oggi ufficialmente i battenti in presenza del consigliere federale Johann Schneider-Ammann. La manifestazione si tiene in un contesto di ottimismo e al contempo di prudenza. C'è poi eccitazione per il lancio dell'Apple Watch a fine aprile.

Il ministro dell'economia, che è pure responsabile per la ricerca, l'innovazione e il lavoro, ha tagliato il simbolico nastro prima di visitare diversi stand. La tradizione vuole che sia sempre un membro del governo a inaugurare la prestigiosa manifestazione. Schneider-Ammann ha sostenuto che "con l'invenzione dell'orologio meccanico il tempo è letteralmente diventato un'arte. Una maestria che raggiunge livelli sempre più elevati in termini di precisione, ingegno tecnologico ed estetica in costante evoluzione".

Ieri in occasione della conferenza stampa di presentazione la direttrice del Salone Sylvie Ritter ha affermato che "non viviamo un momento di euforia", citando l'abbandono della soglia minima di cambio per l'euro, la crisi ucraina - con gli effetti negativi sul mercato russo, e il calo delle vendite in Cina. Ciononostante a Baselworld in otto giorni sono presenti 1'500 marchi e vengono attesi 150'000 visitatori - soprattutto professionisti del ramo - e oltre 4'000 giornalisti accreditati provenienti da tutto il mondo.

L'edizione 2015 sarà sicuramente all'insegna dell'orologio connesso. Il prodotto di per sé esiste già da anni, ma l'arrivo di un nuovo attore come l'americana Apple porterà un vento nuovo al settore e, soprattutto, all'orologeria di tradizione. Oltre dieci marchi svizzeri hanno annunciato di voler presentare modelli connessi a Basilea.

La delegazione elvetica resta ancora una volta la più importante all'appuntamento renano. Saranno rappresentati 288 marchi, di cui 219 del mondo orologiero, 39 della gioielleria e 30 di rami annessi, ha indicato ieri il presidente del comitato degli espositori elvetici e di Tissot nonché membro della direzione di Swatch Group François Thiébaud.

Baselworld si tiene in circostanze economiche e geopolitiche "da sorvegliare da vicino, dopo un 2014 di consolidamento per l'orologeria svizzera", ha ricordato da parte sua la Federazione orologiera (FH). Il settore, che conta più di 500 imprese e oltre 50'000 collaboratori, ha registrato un esercizio record in termini di esportazioni, salite in un anno dall'1,9% a 22,2 miliardi di franchi.

Il direttore di MCH Group, organizzatore di numerose fiere e saloni tra cui appunto quello al via oggi, René Kamm ha peraltro annunciato ieri il decesso nella notte tra martedì e mercoledì, all'età di 82 anni, di Jacques Duchêne, presidente del comitato degli espositori di Baselworld e per anni attivo per Rolex. La Ritter ha ricordato con emozione che il ginevrino aveva alle spalle sessanta edizioni del Salone, di cui 20 nella funzione di presidente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS