Navigation

Basilea: dimostrazione contro licenziamenti Novartis

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2011 - 18:17
(Keystone-ATS)

Un migliaio di persone hanno manifestato oggi a Basilea contro i licenziamenti di massa, in particolare alla Novartis. Contro il gruppo farmaceutico, che martedì scorso ha comunicato la soppressione di 2000 posti di lavoro, di cui 1100 in Svizzera, sono previste misure di lotta.

La dimostrazione a Basilea è stata promossa dal sindacato Unia, che questa settimana ha già lanciato una petizione contro la ristrutturazione di Novartis. Il testo chiede che prima del ricorso ai licenziamenti, Novartis rinunci alla distribuzione di bonus ai quadri e di dividendi agli azionisti. Oltre a Novartis questo mese anche il gruppo Huntsman ha annunciato drastici tagli dell'organico.

Nell'industria farmaceutica mettere in discussione la pace del lavoro era un tabù, ha detto Corrado Pardini, membro della direzione di Unia e consigliere nazionale socialista. I licenziamenti annunciati dalla Novartis sono "uno scandalo inaccettabile" e hanno infranto il tabù.

Il fatto che Novartis abbia licenziato centinaia di persone pur realizzando guadagni miliardari e distribuendo bonus di milioni di franchi ai suoi manager è stato duramente criticato da più parti. Novartis deve ritornare sulla sua decisione, ha detto Daniel Lampart, capo economista dell'Unione sindacale svizzera (USS). Invece di manager strapagati, ci vorrebbero capi con salari ragionevoli che portano avanti una politica ragionevole. Novartis se ne frega delle sue responsabilità sociali.

Il gigante farmaceutico vuole sopprimere 760 impieghi a Basilea e 320 a Nyon. La settimana prossima alla fabbrica di Nyon sono previste pause di protesta e altre misure di lotta verranno applicate a Basilea. Unia prevede duri conflitti nelle prossime settimane e mesi.

Un centinaio di persone hanno manifestato anche a Nyon e altre 50 persone si sono riunite davanti alla casa del presidente del consiglio di amministrazione, Daniel Vasella, a Risch ZG.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?