Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo farmaceutico Basilea ha nettamente ampliato le perdite lo scorso anno a 41,5 milioni di franchi, a fronte di un passivo di 33 milioni accumulato l'anno precedente. In crescita anche la perdita operativa EBIT, attestatasi a 41,8 milioni di franchi (33,3 milioni nel 2013). Dal canto suo, il volume d'affari è salito da un anno all'altro di 1,2 milioni a 42,6 milioni di franchi.

Nel periodo in rassegna i costi per la ricerca e lo sviluppo hanno raggiunto i 54,4 milioni di franchi, dopo i 53,3 milioni del 2013. Le spese generali e amministrative sono salite del 41,3% a 30,1 milioni. Le liquidità e gli altri mezzi finanziari ammontavano a fine anno a 226,1 milioni, contro i 273,9 milioni di dodici mesi prima

I risultati annunciati oggi soddisfano solo in parte le attese degli analisti. Il consensus dell'agenzia finanziaria awp pronosticava ricavi operativi per 42,9 milioni, mentre EBIT e perdita netta erano calcolate rispettivamente in -51,3 e -51,2 milioni.

Il direttore generale Ronald Scott ritiene che l'azienda abbia raggiunto gli obiettivi fissati per il 2014, in particolare nel processo di omologazione dell'antimicotico isavuconazole negli Stati Uniti e nell'Unione europea.

Nell'esercizio in corso il gruppo basilese intende concentrarsi sul lancio dell'antibiotico ceftobiprole in Germania, Italia e Regno Unito. La perdita operativa per il 2015 è calcolata in 4 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS