Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La torre Roche - il più alto grattacielo della Svizzera - è stato inaugurato oggi a Basilea. Con i suoi 178 metri di altezza supera di 52 metri il precedente record della Prime Tower di Zurigo.

Il gruppo farmaceutico prevede già la costruzione di uno stabile ancora più elevato entro il 2021.

La torre inaugurata oggi, con la forma triangolare di una vela, è costata 550 milioni di franchi ed è stata progettata dallo studio d'architettura basilese di fama mondiale Herzog & de Meuron. Denominata "Bau 1" ("stabile 1"), conta 41 piani ed entro la prossima primavera vi saranno trasferiti quasi 2'000 dipendenti di Roche attivi nella ricerca, nello sviluppo, nella produzione e nel marketing attualmente distribuiti su vari siti della città sul Reno.

Contrariamente alla Prime Tower, "Bau 1" non sarà accessibile al pubblico, sebbene all'ultimo piano si trovi pure, come a Zurigo, un ristorante. Quest'ultimo è però riservato al personale del gruppo farmaceutico. Già fra sei anni sugli stessi terreni dovrebbe sorgere una torre simile - "Bau 2" - alta 205 metri; è inoltre previsto un nuovo centro di ricerca e sviluppo. Complessivamente Roche intende investire nel suo sito principale circa 3 miliardi di franchi nel giro di un decennio e riunire il numero più elevato possibile dei 9'000 impieghi a Basilea in un solo posto.

Poiché non è possibile ampliare la superficie di 120'000 mq, la società vuole ricavare gli spazi necessari costruendo in altezza - una strategia controversa: se contro "Bau 1" sono stati inoltrati 19 ricorsi, la resistenza nei confronti di "Bau 2" è notevolmente maggiore. Contro i piani si sono opposti 89 abitanti e proprietari di edifici. Le autorità ritengono però che i ricorsi non dovrebbero ritardare il progetto.

Già con la prima torre Basilea ha ottenuto un nuovo emblema visibile da lontano, ma per taluni esso domina troppo fortemente la silhouette della città. Tra i critici più severi vi è l'ex responsabile dell'ufficio delle costruzioni Carl Fingerhuth, che due anni or sono ha definito l'edificio "l'architettura più brutale e irrispettosa" della Svizzera.

La costruzione in assoluto più alta della Confederazione è pure a Basilea Città: si tratta della torre televisiva St. Chrischona, alta quasi 251 metri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS