Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Doris Leuthard ha aperto oggi la 15esima conferenza ministeriale sul Reno a Basilea, sottolineando l'importanza di questo fiume come "arteria vitale dell'Europa" e della collaborazione transfrontaliera per assicurarne la protezione, indica il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) in una nota.

Sei Stati - Svizzera, Liechtenstein, Austria, Germania, Francia e Olanda - sono attraversati o lambiti dal Reno e nove si trovano nella sua zona di influenza. Sono 58 milioni le persone che vivono in quest'area e sul Reno avviene la maggior parte della navigazione interna europea.

Alla conferenza odierna si è messo l'accento soprattutto sulle sfide future. Si prevede entro il 2020 di migliorare la possibilità di migrazione per i salmoni. I ministri degli Stati rivieraschi del Reno intendono inoltre rivalorizzare ecologicamente circa 800 chilometri di fiume per favorire lo sviluppo della biodiversità.

I ministri incaricano la Commissione internazionale per la protezione del Reno (CIPR) di elaborare entro il 2014 una strategia in vista dei cambiamenti climatici per il bacino del fiume.

I ministri hanno inoltre sottolineato l'importanza di intensificare gli sforzi contro l'inquinamento e di arginare il rischio di inondazioni.

La CIPR comprende tutti gli Stati rivieraschi del Reno e mira a una protezione globale delle acque.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS