Tutte le notizie in breve

Non vi sarà alcuna grande festa a Basilea per commemorare i 120 anni del primo congresso sionista del 1897 tenutosi nella città renana.

Non vi è tempo a sufficienza per organizzare una simile manifestazione, ha indicato oggi il Consiglio di Stato di Basilea Città in una nota.

Già nel febbraio scorso, l'esecutivo del cantone renano aveva fatto notare il poco tempo a disposizione per organizzare l'evento, comprese le imponenti misure di sicurezza.

Stando a un portavoce del Governo locale, gli stessi consiglieri di Stato hanno informato ieri della decisione l'ambasciatore israeliano a Berna, il quale si è detto deluso.

Il Governo è tuttavia consapevole della grande importanza di questo appuntamento ed è disposto a riconsiderare la propria decisione qualora gli organizzatori - un'associazione privata - dovessero optare per una nuova scadenza; si avrebbe insomma più tempo per riconsiderare alcuni parametri, come la sicurezza.

Nel marzo scorso, l'esecutivo cantonale aveva infatti stimato i costi per la sola sicurezza in 10 milioni di franchi. Le valutazioni si basavano sulla festa del centenario tenutasi nel 1997, alla quale avevano partecipato oltre 1000 invitati dall'estero.

Stando al Dizionario storico della Svizzera, il concetto di sionismo fu coniato intorno al 1890 da Nathan Birnbaum, un esponente della corrente culturale del sionismo. La figura centrale del movimento fu però il giornalista viennese Theodor Herzl, profondamente colpito dall'antisemitismo scatenato dall'affare Dreyfus in Francia.

Il termine sionismo designa un'ideologia politica, un programma politico e un movimento globale in seno al giudaismo che persegue l'obiettivo di realizzare, sul piano politico e culturale, il diritto del popolo ebraico all'autodeterminazione e al suo insediamento in Palestina.

Come in altri Paesi, anche in Svizzera inizialmente il movimento sionista fu accolto con scetticismo dalla maggioranza della popolazione ebrea. Avendo ottenuto la parificazione giuridica solo nel 1866, temeva di compromettere il processo di integrazione appena avviato. Numerosi esponenti ortodossi consideravano inoltre riprovevole creare uno Stato di Israele prima dell'arrivo del Messia.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve