Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La sede di Basilea Pharmaceutica

KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

Basilea Pharmaceutica ha ridotto le perdite lo scorso anno a 51,3 milioni di franchi, a fronte del passivo di 61,6 milioni dell'esercizio precedente.

La società biotecnologica ha cominciato a raccogliere i primi frutti della commercializzazione dei suoi prodotti. Le vendite in Europa di Cresemba (un antimicotico) e di Zevtera (un antibiotico a largo spettro) sono state pari a 7,1 milioni di franchi, mentre le licenze sulle vendite negli USA hanno generato 7,3 milioni: nell'insieme i ricavi sono saliti di circa un quarto a 66,0 milioni di franchi.

Basilea Pharmaceutica è riuscita a limitare le spese, malgrado i 5,3 milioni investiti nel lancio e nella commercializzazione dei suoi primi farmaci sul Vecchio Continente. I costi complessivi sono stati ridotti nel giro di 12 mesi da 114,3 a 109,9 milioni di franchi.

A fine dicembre le liquidità erano scese di circa il 20% su base annua a 289,0 milioni. Per l'esercizio in corso la direzione intende raddoppiare i ricavi delle vendite dirette di prodotti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS