Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Batteri "chirurghi" divorano tumori difficili da curare

Batteri "chirurghi" divorano e sconfiggono tumori altrimenti inoperabili né curabili con la chemio perché troppo difficili da raggiungere: testata con successo su animali di diversa taglia e su una paziente in un lavoro pubblicato su Science Translational Medicine, si tratta dell'idea di utilizzare contro certi tumori un batterio abituato a vivere in ambienti con scarso ossigeno - proprio la condizione di tumori annidati in anfratti profondi dell'organismo - chiamato Clostridium novyi.

La sperimentazione di 'biochirurgia' batterica è stata condotta da Saurabh Saha, della BioMed Valley Discoveries.

La chemioterapia non sempre funziona, specie se il tumore si annida in posti difficilmente penetrabili e dove i vasi sanguigni e l'ossigeno scarseggiano. Di qui l'idea di usare batteri abituati ad ambienti così ostili per sbaragliare tumori altrimenti incurabili.

L'idea stessa prende corpo da osservazioni cliniche risalenti addirittura alla fine dell'800, quando in seguito a infezioni post-chirurgiche pazienti guarivano inspiegabilmente dal cancro.

Gli esperti Usa hanno iniziato prima con topi e ratti, poi con cani malati di tumore (col consenso dei padroni) e infine con una paziente di 53 anni il cui tumore aveva dato ormai metastasi in varie parti del corpo.

I ricercatori hanno modificato il batterio attenuandone l'aggressività, rendendolo incapace di produrre alcune delle sue tossine, poi lo hanno iniettato nei tumori degli animali e nelle metastasi della paziente. Il batterio ha divorato in poco tempo i tumori riducendo significativamente e, negli animali, eliminando in toto la malattia.

Il batterio non sopravvive in presenza di ossigeno quindi è innocuo nei tessuti sani, per cui la terapia viene giudicata sicura. Servono ovviamente ulteriori studi clinici su più pazienti per promuovere la biochirurgia oncologica batterica.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.