Navigation

Batterio Killer: bilancio vittime sale a 35 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2011 - 18:38
(Keystone-ATS)

Il batterio killer E. Coli, l'enteroemorragico Eceh, ha fatto due nuove vittime in Germania, secondo quanto indicato dalle autorità sanitarie all'Afp. Il bilancio dell'epidemia sale perciò a 35 morti, delle quali 34 in Germania.

"Noi siamo arrivati a 34 vittime, a cui occorre aggiungere il decesso avvenuto in Svezia" ha annunciato Günther Dettweiler, portavoce dell'Institut Robert Koch, che è l'istituto federale di vigilanza sanitaria. Delle 35 vittime tedesche, Dettweiler ha inoltre precisato che 22 sono decedute per una sindrome emolitica e uremica (Shu), la complicazione renale più grave della malattie, mentre le altre 12 per ragioni legate all'infezione.

Oggi, domenica di Pentecoste, non è stato possibile ottenere precisazioni ulteriori sul luogo dei nuovi decessi, nè sull'età e il sesso delle vittime.

L'organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha confermato il bilancio di 34 morti in Germania e uno in Svezia sul proprio sito internet. Secondo l'Oms il totale dei casi di malattia confermata o sospetta ammonta a un totale di 3.255 casi in 16 Paesi (Germania, Danimarca, Svezia, Austria, Canada, Francia, Repubblica Ceca, Grecia, Paesi Bassi, Lussemburgo, Norvegia, Polonia, Spagna, Svizzera, Regno unito, Usa). Salvo cinque eccezioni, secondo l'Oms, tutti i casi sono connessi alla Germania.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.