Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le nuove stime della Banca centrale europea (Bce) prevedono una crescita dell'Eurozona dell'1,5% quest'anno, dell'1,9% il prossimo e del 2,0% nel 2017.

Lo ha detto in una conferenza stampa a Francoforte il presidente della Bce, Mario Draghi, definendo le nuove stime "sostanzialmente in linea" con le precedenti".

In marzo erano stati previsti tassi di espansione rispettivamente dell'1,5%, dell'1,9% e del 2,1%.

La Bce ha inoltre alzato allo 0,3% la stima d'inflazione nell'Eurozona per il 2015, lasciando il 2016 e 2017 invariati rispettivamente a 1,5% e 1,8%. L'inflazione ha toccato il fondo a fino anno, ha commentato Draghi, promettendo comunque che la il suo istituto monitorerà attentamente gli sviluppi dei prezzi.

Draghi si è per contro rifiutato di commentare i negoziati in corso sulla Grecia. La Bce auspica che Atene rimanga nella zona euro, si è limitato a dire.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS