Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca centrale europea (Bce) ha deciso un ulteriore calo del tasso dei depositi, che scende così -0,30%. L'istituto ha invece lasciato fermo il tasso di rifinanziamento allo 0,05%.

In una conferenza stampa a Francoforte dopo la riunione del Comitato direttivo, il presidente della Bce Mario Draghi ha affermato che la Bce ha deciso di prolungare da settembre 2016 a marzo 2017 "o oltre, se necessario" la scadenza del Quantitative Easing dopo avere condotto una "valutazione generale dei fattori che limitano il ritorno dell'inflazione al target del 2 per cento".

Draghi ha aggiunto che la Bce conferma la sua ferma determinazione ad intervenire per far rialzare l'inflazione e sostenere la ripresa economica in atto. "Siamo pronti a usare ogni strumento a disposizione all'interno del nostro mandato". Le nuove misure di politica monetaria "sono state prese per riportare l'inflazione verso l'obiettivo del 2%".

Draghi ha annunciato anche che lo staff della Bce ha rivisto leggermente al ribasso le stime sull'andamento dell'inflazione nell'Eurozona, prevista in crescita dello 0,1% nel 2015, dell'1,0 il prossimo anno e dell'1,6% nel 2017. Invece le stime sulla crescita del pil restano immutate, rispetto alle precedenti previsioni elaborate nello scorso settembre: l'attività nell'Eurozona dovrebbe così crescere dell'1,5% quest'anno , dell'1,7% nel 2016 e dell'1,9% nel 2017.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS