Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mario Draghi, il presidente della Bce, probabilmente annuncerà un programma di acquisto di bond da 550 miliardi di euro giovedì, concentrato principalmente sui bond governativi in proporzione alla quota di ciascun Paese nel capitale della Bce e con la possibilità che le banche centrali nazionali si assumano almeno una parte del rischio.

È la previsione di 60 economisti sentiti dall'agenzia Bloomberg, il 93% dei quali ritiene che la Bce si sia ormai decisa per il 'quantitative easing' anti deflazione.

Più in dettaglio, circa metà degli economisti prevede che la Bce indichi le dimensioni complessive del programma 'QE' al consiglio direttivo di giovedì. Il 15%, invece, si aspetta che Francoforte si limiti ad annunci su base mensile, che potrebbero proseguire per un periodo predeterminato, oppure sulla falsariga della Fed americana, fino a quando non verrà raggiunto l'obiettivo di un'inflazione appena inferiore al 2%.

Il 57% degli intervistati dall'agenzia americana prevede che il 'QE' sia in gran parte concentrato sui titoli di Stato, con altri bond che giocherebbero un ruolo minore. Un quarto degli economisti, invece, stima un mix di debito sovrano e altri titoli. Solo il 14% prevede acquisti esclusivi di debito pubblico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS