Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Bce ha l'intenzione di creare un database operante con le banche dell'Eurozona per raccogliere informazioni sui reati di cyber-criminalità, con l'obiettivo di allontanare minacce future.

Lo rivela l'Handelsblatt, che cita François-Louis Michaud, vice direttore generale della divisione Micro-Prudential Supervision della Bce: "Vogliamo creare un database per i reati di cyber-criminalità - ha detto Michaud - che possa servire come prima allerta e come analisi di sistema".

Secondo il progetto, "le banche coinvolte dovranno inviare informazioni su minacce online serie per la sicurezza". Un progetto pilota è partito a febbraio, la fase di sperimentazione durerà un anno. Al momento include 18 grandi banche europee sotto la supervisione diretta della Bce, ha concluso Michaud.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS