Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Beneficia dell'aiuto sociale dal 2006 e da quell'anno targa a suo nome 55 auto: protagonista della vicenda è un 45enne di Thun (BE) al quale ora le autorità, insospettitesi nel 2014, hanno annullato l'assistenza.

L'interessato non è riuscito a dissipare "i forti dubbi sulla sua indigenza", indica una sentenza pubblicata oggi dal tribunale amministrativo bernese.

Da controlli effettuati presso l'Ufficio della circolazione è risultato che l'uomo da quando aveva iniziato a percepire l'assistenza aveva targato a suo nome per breve tempo 55 vetture. A suo dire lo aveva fatto per conto del fratello, che commercia in veicoli.

Secondo il tribunale amministrativo resta però non chiaro il motivo per cui il 45enne dovesse intestare le auto a suo nome. Vi è il sospetto che il beneficiario dell'aiuto sociale abbia partecipato al commercio di auto. I documenti presentati non sono sufficienti per chiarire la sua situazione finanziaria. È ancora aperta la via di un ricorso al Tribunale federale.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS