Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un 34enne è stato condannato a 7 anni e mezzo di carcere per aver aggredito, stuprato e derubato una ciclista due anni fa a Berna.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Un uomo, oggi 34enne, è stato condannato a 7 anni e mezzo di carcere per aver aggredito, stuprato e derubato una ciclista due anni fa a Berna. Inoltre dovrà pagare alla vittima 25'000 franchi per riparazione morale.

La sentenza del Tribunale regionale di Berna-Mittelland è stata resa nota oggi. I fatti risalgono al 7 settembre 2014, quando l'imputato, di origini liberiane, si era nascosto dietro un albero in un posto buio e poco frequentato vicino a una pista ciclabile poco fuori dal centro cittadino di Berna.

Quando è passata una ciclista, l'uomo gli è saltato addosso e l'ha buttata a terra. "Stai tranquilla, ho un coltello", avrebbe detto l'aggressore prima di chiederle di dargli la borsetta.

Dopodiché l'uomo avrebbe trascinato la vittima per i capelli e i vestiti in un bosco vicino, dove l'ha ripetutamente violentata. La donna dopo l'aggressione ha riportato ferite importanti, come la rottura di ossa del viso, che hanno richiesto numerose operazioni. Inoltre, la vittima soffre ancora adesso di problemi psichici legati all'aggressione.

Il ministero pubblico chiedeva otto anni, mentre la difesa un massimo di due anni con la condizionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS