Navigation

BE: area di transito per nomadi si farà

Bernesi favorevoli a un area per nomadi stranieri KEYSTONE/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2020 - 15:31
(Keystone-ATS)

L'area di transito per nomadi stranieri prevista sull'A1 a un chilometro da Wileroltigen, comune situato tra Berna e Morat, vedrà la luce.

I cittadini bernesi hanno infatti approvato oggi il progetto con il 53,5% dei suffragi favorevoli. L'affluenza alle urne è stata del 40,2%, ha comunicato la Cancelleria cantonale.

Per bloccare il necessario credito di 3,3 milioni di franchi adottato dal Gran Consiglio, i giovani UDC si erano giocati la carta del referendum, incassando il sostegno da parte del proprio partito. Secondo i contrari, questa imposizione del Cantone a un villaggio rurale - circa 350 abitanti - è antidemocratica.

A loro avviso inoltre, spetta ai nomadi organizzarsi da soli. Nel mirino della campagna del "no" sono stati messi pure i costi elevati, il rischio che la capacità non sia sufficiente e il pericolo di attirare altri viaggiatori nella zona.

Per i sostenitori invece, l'ubicazione è ideale: si trova su un asse di transito ed è raggiungibile solo dall'autostrada. Sono previsti 36 posti auto e potranno essere ospitate fino a 180 persone.

Il voto odierno ha un'interesse a livello nazionale. In tutta la Svizzera mancano aree di sosta fisse per comunità straniere di jenisch, sinti e rom. Quella bernese sarà la terza dopo quelle di Domat/Ems (GR) e Sâles (FR). Stando agli esperti, ne servirebbero almeno una decina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.