Navigation

BE: donna uccisa a Langenthal, arrestati due fratelli

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2012 - 15:43
(Keystone-ATS)

Due fratelli di 23 e 25 anni sono stati arrestati ieri sera dalla polizia cantonale bernese nell'ambito dell'inchiesta condotta per l'assassinio di una donna austriaca il cui cadavere era stato trovato sabato mattina nei pressi di una palestra di Langenthal (BE).

Lo ha dichiarato oggi all'ats il portavoce della polizia cantonale bernese, confermando una notizia della "Berner Zeitung" e del "Blick". Secondo le autorità si tratterebbe di un crimine a carattere sessuale.

I due giovani di nazionalità svizzera sono stati fermati ieri sera e poi posti in detenzione preventiva. I fratelli sono sospettati di essere implicati nella morte violenta della 43enne: il Ministero pubblico regionale ha comunicato oggi di aver avviato un procedimento per omicidio intenzionale.

Intanto le indagini proseguono a pieno ritmo per chiarire la dinamica e le ragioni del crimine, sottolineano gli inquirenti che continuano a cercare testimoni. Domenica sera gli inquirenti avevano trovato l'auto della vittima, una Mercedes verde metallizzata. Anche nel luogo in cui è stato trovato il cadavere continuano le ricerche di indizi.

Secondo le prime analisi condotte dall'istituto di medicina legale all'Università di Berna, la 43enne è stata vittima di una estrema violenza. Le ferite inflitte hanno causato il decesso della donna. Inoltre vi sono indizi che avvalorano la tesi di un delitto a sfondo sessuale.

Il cadavere della donna era stato trovato sabato mattina da alcuni membri di una squadra juniores di pallamano. La vittima viveva da tempo in Svizzera e ultimamente nel cantone di Svitto, secondo quanto riferito dalle autorità. Gli inquirenti non forniscono ulteriori dettagli sulla donna per riguardo nei confronti dei suoi famigliari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?