Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una vasta operazione di polizia è stata condotta a Büren an der Aare, nel canton Berna, dopo che stamane era stato sparato un colpo di pistola. Due persone sono state fermate.

La strada principale e la linea ferroviaria sono state bloccate nel primo pomeriggio a causa di un oggetto sospetto. Non vi sono feriti.

I fatti sono accaduti verso le 8.15, quando un colpo d'arma da fuoco è stato esploso davanti al ristorante che si trova di fronte alla stazione ferroviaria. La polizia, subito intervenuta, ha fermato due uomini, ha indicato all'ats il portavoce della polizia cantonale bernese Nicolas Kessler, confermando informazioni pubblicate dal sito online della "Berner Zeitung".

Dai primi accertamenti sembra che i due abbiano avuto una discussione, poi degenerata in lite e conclusasi con lo sparo da parte di uno dei due. L'altro uomo è riuscito a disarmare l'avversario prima che questi potesse esplodere altri colpi. Fortunatamente il proiettile non ha colpito nessuno, ha indicato Kessler, precisando che lo sparatore è stato tuttavia ricoverato all'ospedale per un problema di salute.

Durante l'esame della scena del reato gli agenti hanno trovato all'interno del ristorante "un oggetto sospetto": la zona è quindi stata per sicurezza sbarrata a passanti, veicoli e treni. L'oggetto è stato messo in sicurezza da specialisti artificieri della polizia cantonale bernese ed è quindi stato distrutto, ha precisato la polizia in serata.

Non si sa se l'oggetto sia legato alla disputa. Il Ministero pubblico regionale ha aperto un'inchiesta sul caso. Dovrà determinare la dinamica e le circostanze esatte dei fatti.

Alle 17.20 è stato tolto il blocco al traffico, le conseguenze si sono tuttavia protratte ancora per qualche tempo: colonne sulle strade e ritardi ai collegamenti ferroviari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS