Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora grane per l'esercito: una casa situata a due chilometri dalla piazza d'armi di Thun (BE) è stata colpita lo scorso 30 agosto da un proiettile di mitragliatrice. Non ci sono stati feriti. Un procedimento è stato aperto contro tre reclute.

La notizia, pubblicata oggi dal giornale "20 Minuten", è stata confermata all'ats da Tobias Kühne, portavoce della Giustizia militare.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio verso le 17.30, quando cinque colpi sono partiti da una mitragliatrice MG 51 calibro 7,6, montata su un carro armato granatieri 2000.

Uno almeno dei proiettili è rimasto conficcato all'interno di un'abitazione, ha confermato Kühne, aggiungendo che dovrebbe trattarsi di un colpo deviato o rimbalzato. "Un vetro è andato in frantumi e sulla parete c'è un buco", scrive "20 Minuten". Per fortuna in quel momento non c'era nessuno in casa.

L'inchiesta della Giustizia militare - già chiamata a indagare nelle due ultime settimane sul caso dell'F/A-18 schiantatosi il 29 agosto nella regione del Susten e su quello, reso noto ieri, dell'esplosivo scomparso presso la scuola reclute di fanteria di Aarau - è tuttora in corso. "Secondo gli elementi finora raccolti gli spari sono verosimilmente partiti a causa di una combinazione di manipolazioni errate", ha detto Kühne.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS