La "cozza zebrata" è stata trovata nel Lago di Bienne, dopo che la sua presenza era già stata rilevata nel Lago di Costanza. La conchiglia, fortemente invasiva, modifica l'ecosistema dei laghi, influenza la pesca e provoca problemi ai fornitori di acqua potabile.

La notizia, pubblicata oggi dal quotidiano bernese "Der Bund", è stata confermata alla Keystone-ATS da Markus Zeh, dell'Ufficio cantonale delle acque e dei rifiuti. Nelle acque del lago sono stati trovati esemplari della cozza in questione, vorace filtratrice di plancton e capace di creare densissime popolazioni che si attaccano alle superfici dure.

La società che gestisce l'acqua potabile della regione dovrà controllare che i molluschi non ostruiscano le condutture che portano le acque del lago agli impianti di depurazione, ha aggiunto Zeh.

Ripercussioni potranno esserci anche per i pescatori: la cozza zebrata filtra molta acqua provocando un cambiamento dell'ecosistema e di conseguenza dei pesci presenti in questo bacino. Secondo Zeh non si assisterà per forza a un calo dei pesci catturati, ma la composizione del bottino potrebbe essere diversa.

Nel Lago di Costanza, la cozza zebrata è presente da circa tre anni e si è già ampiamente diffusa, provocando tra l'altro notevoli danni agli impianti tecnici della società locale delle acque potabili.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.