Navigation

Belgio: governatore Fiandre dichiara emergenza

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2010 - 13:14
(Keystone-ATS)

BRUXELLES - Il governatore delle Fiandre orientali in Belgio ha dichiarato lo stato d'emergenza provinciale a causa del maltempo. Vigili del fuoco, servizi medici, protezione civile ed esercito sono stati messi in allerta.
A Kruibeke, un comune della regione nei pressi dell'estuario della Schelda che è già arrivata al livello storico di guardia e rischia di esondare, è stato necessario rompere una diga per lasciare defluire l'acqua provocando l'allagamento volontario di un 'polder' (le aree di terreno sotto il livello del mare che vengono prosciugate per uso agricolo). Non è escluso che si prendano provvedimenti analoghi nei comuni di Zwalm, Lebbeke, Ninove e Lierde.
Anche i corsi d'acqua nelle Ardenne fiamminghe hanno superato i livelli di guardia.
Oltre al blocco del raccordo autostradale attorno a Bruxelles a causa di una colata di fango all'altezza di Ophain, molte strade risultano interrotte nel Belgio francofono, a sud della capitale. In particolare, secondo quanto riferito dai media belgi, risultano allagate molte strade nella regione di Mons, a La Louviere, Quievrain, Soignies, e nella zona di Lessines.
Nel Limburgo i servizi di soccorso hanno evacuato una casa di riposo per anziani.
L'istituto nazionale di meteorologia (Irm) ha emesso un'allerta arancione per forti precipitazioni che continueranno per tutto il fine settimana. "Localmente - è scritto nel comunicato dell'Irm - si potranno superare i 50 litri per metro quadrato nel sud del paese, mentre nel nord ovest c'è da attendersi 20 litri d'acqua per metro quadrato".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?