Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier serbo Ivica Dacic ha detto oggi a New York che Belgrado è pronta a nuovi colloqui ad alto livello con Pristina per arrivare a una soluzione pacifica della crisi del Kosovo.

"Le nuove autorità serbe, il nuovo governo e il nuovo presidente intendono attuare tutti gli accordi raggiunti finora, ma chiedono la stessa cosa da parte di Pristina", ha detto Dacic intervenendo a una seduta del consiglio di sicurezza dell'Onu dedicata alla situazione in Kosovo. "La Serbia è pronta per colloqui ad alto livello", ha aggiunto il premier sottolineando la volontà di Belgrado di arrivare a una pace tra serbi e albanesi, grazie anche al dialogo avviato con la mediazione della Ue.

Ma la Serbia, ha ribadito con forza, "non riconoscerà mai, implicitamente o esplicitamente e in nessuna circostanza, l'indipendenza del Kosovo proclamata unilateralmente dalle autorità albanesi di Pristina, poichè ciò non è stato il risultato di un accordo reciproco". Alla seduta al Palazzo di vetro è intervenuto anche il premier kosovaro Hashim Thaci, il quale ha sottolineato che lo status del Kosovo è ormai cosa definita e che la sicurezza dei serbi della provincis non è più un problema.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS