Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bell

KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

Bell ha realizzato un utile in aumento del 26,7% su un anno nel primo semestre a 42,6 milioni di franchi. Il gruppo basilese ha annunciato l'acquisizione della società vallesana Cher-Mignon.

Il fatturato è salito pure del 26,2% a 1,62 miliardi. La crescita si spiega principalmente con i benefici della consolidazione di numerose acquisizioni avvenute nel corso di quest'anno (Huber, Eisberg, Hilcona). In volume, le vendite presentano un aumento del 59,5% a quasi 192'000 tonnellate.

A livello operativo, l'utile prima di interessi e imposte ha registrato un incremento del 34,2% a 61 milioni, ha indicato il gruppo controllato dal gigante della distribuzione Coop.

Il fatturato di Bell in Svizzera, suo primo mercato, è aumentato del 4,1% su un anno a 934 milioni di franchi, con volumi in crescita del 2,3% a 62'000 tonnellate. Hanno contribuito al buon andamento numerose promozioni.

Per quanto riguarda l'ultima acquisizione annunciata, Cher-Mignon ha registrato un fatturato annuo di circa 13 milioni. L'ammontare della transazione non è stato reso noto, ma Bell precisa che i 25 dipendenti saranno tutti assunti.

Per il seguito dell'esercizio, la multinazionale non vuole fare alcuna previsione, limitandosi a dire di voler consolidare l'integrazione delle acquisizioni e continuare a ottimizzare la sua performance. Menziona inoltre l'incertezza attorno all'evoluzione del prezzo delle materie prime e lo sviluppo dei mercati.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS