Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Niente più alibi legati al fatto di aver bevuto troppo e non essere in sé (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

Niente più alibi legati al fatto di aver bevuto troppo. Bere cambia la nostra personalità, ma meno di quanto ci aspettiamo. L'unico tratto del carattere che davvero cambia è quello dell'estroversione: si diventa effettivamente più aperti verso gli altri.

A evidenziarlo una ricerca dell'università del Missouri, St. Louis-Missouri Institute of Mental Health, pubblicata sulla rivista Clinical Psychological Science.

Gli studiosi hanno preso in esame 156 persone, che hanno completato un'indagine iniziale che valutava il consumo tipico di bevande alcoliche e la loro percezione su come erano da sobri e dopo aver bevuto. Poi, i partecipanti si sono recati in laboratorio in gruppi di 3 o 4 e i ricercatori hanno potuto così rilevare alcuni dati come peso e altezza. Nel corso di circa 15 minuti, ogni partecipante ha potuto consumare delle bevande: alcuni una semplice bevanda gassata, altri, drink personalizzati realizzati con la vodka.

Dopo altri 15 minuti, è stato chiesto a tutti di fare attività di gruppo divertenti, tra cui test di domande e risposte e puzzle logici. In due momenti è stato chiesto ai partecipanti di valutare la loro personalità: come previsto, coloro che hanno preso parte allo studio indicavano un cambiamento in cinque fattori chiave della personalità (coscienziosità, apertura alle esperienze, convenienza, estroversione e stabilità) dopo aver bevuto. Mentre gli osservatori, che hanno utilizzato registrazioni video per completare le valutazioni standardizzate dei tratti della personalità, hanno indicato differenze affidabili in un solo fattore: l'estroversione.

SDA-ATS