Navigation

berlusconi: manovra per altri 45 miliardi nei prossimi due anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2011 - 13:23
(Keystone-ATS)

Il governo intende varare una "manovra per aggiuntivi 20 miliardi per il 2012 e di 25 miliardi nel 2013". Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, nel corso dell'incontro con le parti sociali, secondo quanto riferito da alcuni presenti.

Il premier ha confermato anche ci sarà una "imposta di solidarietà". Ma non solo: "aggrediremo anche i costi della politica: 14-15 misure per ridurre i costi della politica, con tagli ai ministeri per 6 miliardi nel 2012 e per 2,5 miliardi nel 2013".

Da parte sua il ministro dell'economia, Giulio Tremonti, ha detto che "il pareggio di bilancio era previsto nel 2014, come concordato a livello europeo. Poi tutto è precipitato. E questo comporta una revisione del profilo temporale del pareggio" al 2013. "Questo è il tipico caso di decreto per necessità e urgenza. La necessità per la tenuta del paese, l'urgenza per i mercati".

Tremonti ha inoltre confermato l'intenzione di "ridurre le province" e di "accorpare i comuni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?