Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La Svizzera sta valutando se ritirare il diritto d'asilo a 2000 rifugiati provenienti soprattutto dalla ex Jugoslavia, ad eccezione di Serbia e Bosnia-Erzegovina, che erano stati perseguitati dal regime dell'ex presidente Slobodan Milosevic.
Le guerre nei Balcani degli anni '90 hanno posto termine al regime Milosevic. Da allora la situazione si è radicalmente modificata nei paesi d'origine di questi rifugiati, ha dichiarato all'ATS la portavoce dell'Ufficio federale della migrazione, Marie Avet.
Kosovo, Croazia, Macedonia, Montenegro e Slovenia sono ormai Stati indipendenti e sulla lista del Consiglio federale figurano tra i paesi in cui i diritti umani vengono rispettati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS