Navigation

Bicicletta elettrica: 355 infortuni in un anno e 11 vittime

Le biciclette elettriche si fanno sempre più strada in Svizzera (foto d'archivio) KEYSTONE/DPA/ROLAND WEIHRAUCH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2020 - 11:09
(Keystone-ATS)

Le biciclette elettriche si fanno sempre più strada in Svizzera, ma crescono anche gli incidenti: nel 2019 si è toccato un nuovo picco con il ferimento grave di 355 persone. Undici e-biker hanno invece perso la vita, indica oggi l'Ufficio prevenzione infortuni (upi).

Il 60% delle gravi lesioni registrate sono dovute a uno sbandamento oppure a un incidente per colpa propria, spiega l'upi, precisando che il rimanente è dovuto a collisioni.

Per quanto riguarda gli scontri, tuttavia, il 55% è causato da altri utenti della strada, in circa un terzo dei casi la colpa è dell'e-biker mentre per la quota rimanente la responsabilità è di entrambi.

Spesso - avverte l'upi - i ciclisti con la e-bike passano inosservati, oppure vengono individuati troppo tardi. "Il motivo più frequente di collisione è l'inosservanza del diritto di precedenza", anche perché vi è una certa difficoltà a valutare correttamente la velocità delle biciclette elettriche, sostiene Daniel Morgenthaler, esperto di e-bike presso l'ufficio prevenzione infortuni, citato nella nota.

Un fattore di rischio per quanto riguarda i ciclisti con la e-bike è la frequente sottovalutazione dello spazio di arresto. Per questo motivo, l'upi e l'assicurazione AXA hanno lanciato recentemente la campagna di prevenzione "Mano sul freno".

https://mano-sul-freno.ch/it

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.